MAZZILLI GIACOMO

Elenco news

Home > Elenco news
  • Scatta la cedolare secca immobili commerciali in caso di successione.

    28/08/2019

    Anche il canone di locazione per contratti commerciali stipulati nell'anno 2019 possono essere assoggettati al regime della cedolare secca.
    Secondo quanto previsto dalla legge di Bilancio 2019, anche il canone di locazione relativo ai contratti commerciali stipulati nell'anno 2019 possono essere assoggettati al regime della cedolare secca, di cui all'art. 3 del d.lgs. 14 marzo 2011, n. 23, con aliquota del 21%.

    QUESITO
    Gli istanti in qualità di eredi, chiedevano al fisco se dei contratti di locazione stipulati dal de cuis potevano possano usufruire del regime di cedolare secca, previsto dall'art. 1, comma 59 della legge n. 145 del 2018, in virtù del particolare caso di decesso del proprietario e conseguente cessione dei contratti (immobili commerciali) alla vedova usufruttuaria.

    RISPOSTA
    A tal proposito, le Entrate hanno rilasciato parere negativo in quanto, nel caso di specie, il de cuius, al momento del decesso, non aveva il diritto di optare per il regime della cedolare secca poiché i contratti non erano stati stipulati nel 2019.
    Il regime è, infatti, limitato ai contratti stipulati nel 2019, sempreché alla data del 15 ottobre 2018 non risulti già in essere per lo stesso immobile e tra gli stessi soggetti un contratto non scaduto, interrotto anticipatamente rispetto alla scadenza naturale.
    Se uno dei contratti di locazione scade nel corso del 2019, vale a dire termina la scadenza naturale prevista nel contratto, l'erede potrà optare per il citato regime fiscale in sede di eventuale proroga del medesimo contratto di locazione.
    Tale proroga si considera come se fosse un contratto di locazione stipulato nel corso del 2019.

    In conclusione, affinché gli eredi usufruiscano di tale regime, è necessario che il de cuius, al momento del decesso, godesse del diritto (trasmesso poi all'erede per effetto del subentro) di optare per il regime in parola. (Risp. AE 22 luglio 2019 n. 297).

    (FONTE ESTERNA: Condominioweb.com)

    Indietro