MAZZILLI GIACOMO

Elenco news

  • TABELLE MILLESIMALI

    20/12/2018
    Quando dopo la modifica di una o più unità condominiali cambiano i valori delle tabelle millesimali a chi tocca pagare tale revisione?
    Al quesito fornisce una replica esauriente e precisa l'art. 69 delle disposizioni di attuazione del codice civile e transitorie, che prevede quando si deve procedere alla modifica delle tabelle millesimali, con quali maggioranze e chi è tenuto, a seconda dei casi, a sostenerne il costo della rettifica.
     
    Rettifica delle tabelle millesimali: quando
    Ai sensi dell'art 69 disp. att. al codice civile le tabelle devono essere rettificate quando, anche nell'interesse di un solo condomino:
    - se sono frutto di un errore;
    - o se sono cambiate "per le mutate condizioni di una parte dell'edificio, in conseguenza di sopraelevazione, di incremento di superfici o di incremento o diminuzione delle unità immobiliari". Quindi, se il proprietario dell'ultimo piano sopraeleva la propria abitazione o ne ricava una mansarda abitabile, o un altro condomino decide di dividere il suo appartamento ricavandone due o più unità, è necessario provvedere alla modifica delle tabelle.
     
    Rettifica tabelle millesimali: chi paga?
    La norma di riferimento per rispondere a questa domanda è sempre l'art 69 disp. att. al codice civile il quale prevede che, chi ha realizzato opere modificative del condominio che ne hanno alterato per più di 1/5 il valore proporzionale dell'unità immobiliare, dovrà sostenere tutti i costi collegati alla revisione delle tabelle, resasi necessaria in virtù di tali cambiamenti.
    Indietro